| 
  • If you are citizen of an European Union member nation, you may not use this service unless you are at least 16 years old.

  • Stop wasting time looking for files and revisions. Connect your Gmail, DriveDropbox, and Slack accounts and in less than 2 minutes, Dokkio will automatically organize all your file attachments. Learn more and claim your free account.

View
 

Ira di Dio

Page history last edited by Paolo E. Castellina 5 months, 1 week ago

L'ira di Dio?

 

L'espressione ira di Dio, o nella teologia biblica cristiana, indica la radicale opposizione, l'intolleranza, manifestata da Dio verso tutto ciò che è peccato.

Sebbene l'amore, per Dio, sia inerente alla Sua natura, qualcosa di "spontaneo" al Suo stesso essere, la Sua ira è qualcosa che viene suscitato dalla malvagità delle creature umane. Il peccato offende gravemente il Suo amore e la Sua benignità, è un affronto alla Sua misericordia. Esso, quindi, suscita la Sua legittima ira. L'ira di Dio è considerata dalla Bibbia come un'opera "singolare" ed "inaudita" (Isaia 28:21). La misericordia di Dio è inerente al Suo stesso carattere (non l'effetto della bontà umana), ma l'ira di Dio è effetto del peccato.
L'ira di Dio non è una retribuzione impersonale ed automatica del peccato, una legge astratta, come da un semplice processo di causa ed effetto. L'ira di Dio, nell'Antico Testamento è espressione della libera, soggettiva e personale volontà di Dio che attivamente punisce il peccato. Nel Nuovo Testamento, allo stesso modo, l'ira di Dio è una reazione personale di Dio, non un'ipostasi indipendente.
Di fronte al male, il Dio tre volte (perfettamente) santo non non sfugge alla responsabilità di eseguire il Suo giudizio. A volte Egli dimostra la Sua ira nel modo più personale: "Ora, tra breve, io spanderò su di te il mio furore, sfogherò su di te la mia ira, ti giudicherò secondo la tua condotta, ti farò ricadere addosso tutte le tue abominazioni. Il mio occhio sarà senza pietà, io non avrò compassione; ti farò ricadere addosso la tua condotta, le tue abominazioni saranno in mezzo a te, e voi conoscerete che io sono il SIGNORE, colui che colpisce" (Ezechiele 7:8,9).

Nel Nuovo Testamento, brani come Giovanni 3:36; Romani 1:18; Efesini 5:6; Colossesi 3:6; Apocalisse 19:15; 11:18; 14:10; 16:19; 6:16; cfr. Romani 9:22, essa è specificatamente descritta come ira di Dio, la Sua ira, la Tua ita, o l'ira dell'Agnello.

La lettera ai Romani è molto esplicita sull'ira di Dio: "L'ira di Dio si rivela dal cielo contro ogni empietà e ingiustizia degli uomini che soffocano la verità con l'ingiustizia; (...) perché, pur avendo conosciuto Dio, non l'hanno glorificato come Dio, né l'hanno ringraziato; ma si son dati a vani ragionamenti e il loro cuore privo d'intelligenza si è ottenebrato. (...) Per questo Dio li ha abbandonati all'impurità, secondo i desideri dei loro cuori, in modo da disonorare fra di loro i loro corpi; (...) Dio li ha abbandonati a passioni infami (...) ricevendo in loro stessi la meritata ricompensa del proprio traviamento. Siccome non si sono curati di conoscere Dio, Dio li ha abbandonati in balìa della loro mente perversa sì che facessero ciò che è sconveniente; ricolmi di ogni ingiustizia, malvagità, cupidigia, malizia; pieni d'invidia, di omicidio, di contesa, di frode, di malignità; calunniatori, maldicenti, abominevoli a Dio, insolenti, superbi, vanagloriosi, ingegnosi nel male, ribelli ai genitori, insensati, sleali, senza affetti naturali, spietati. (...) Ora noi sappiamo che il giudizio di Dio su quelli che fanno tali cose è conforme a verità. Pensi tu, o uomo, che giudichi quelli che fanno tali cose e le fai tu stesso, di scampare al giudizio di Dio? (...) Tu, invece, con la tua ostinazione e con l'impenitenza del tuo cuore, ti accumuli un tesoro d'ira per il giorno dell'ira e della rivelazione del giusto giudizio di Dio. Egli renderà a ciascuno secondo le sue opere" ((Romani 1:18-2:6).

In 2 Tessalonicesi 1:7-9, l'apostolo Paolo non lascia alcun dubbio pure sull'espressione ultima dell'ira del Cristo: "...a voi che siete afflitti, riposo con noi, quando il Signore Gesù apparirà dal cielo con gli angeli della sua potenza, in un fuoco fiammeggiante, per far vendetta di coloro che non conoscono Dio, e di coloro che non ubbidiscono al vangelo del nostro Signore Gesù. Essi saranno puniti di eterna rovina, respinti dalla presenza del Signore e dalla gloria della sua potenza".

Quando la Bibbia rappresenta l'ira di Dio, essa non è tanto un'emozione o uno stato psicologico alterato, quanto la netta opposizione fra santità e peccato. Di xconseguenza, l'ira di Dio la si vede dagli effetti che produce, nel fatto che Dio punisca il peccato sia in questa vita che nella prossima. Questi giudizi includono pestilenza, morte, esilio, distruzione di città malvage, indurimento del cuore e l'esclusione di persone dal popolo di Dio a causa della loro idolatria o incredulità.

L'ira di Dio raggiunge l'aldilà. Questo lo si vede chiaramente quando Gesù descrive il castigo eterno, l'inferno di fuoco, "...dove il verme loro non muore e il fuoco non si spegne" (Marco 4:48). Il giorno della finale ira di Dio sul peccato, il giorno del giudizio contro il peccato è la Sua condanna irrevocabile del peccatore impenitente.

L'ira di Dio nell'Antico Testamento è controbilanciata dalla descrizione che fa del Signore come "lento all'ira e grande in bontà; che perdona l'iniquità e il peccato" (Numeri 14:18). Cfr. Isaia 54:7-10, oppure Salmo 30:5 "Poiché l'ira sua è solo per un momento, ma la sua benevolenza è per tutta una vita. La sera ci accompagna il pianto; ma la mattina viene la gioia".

Di conseguenza, il modo per sfuggire alla legittima ira di Dio è abbondantemente presente in entrambi i Testamenti. E' l'amore di Dio che provvede alla creatura umana una via di fuga. Egli chiama le creature umane a ravvedersi dai loro peccati, a tornare da Lui, per ricevere perdono e riabilitazione. Egli riceve l'intercessione di Abramo, Mosè, Eleazar, Geremia in favore del popolo peccatore e stabilisce (nell'Antico Testamento il sistema sacrificale mediante il quale la Sua ira può essere fatta cessare. Nel Nuovo Testamento sono gli appelli alla fede, al ravvedimento, e al battesimo nel nome del Signore (che ci salva dall'ira a venire, cfr. 1 Tessalonicesi 1:9,10.

L'Apostolo Paolo scrive a proposito della fede in Cristo: "Tanto più dunque, essendo ora giustificati per il suo sangue, saremo per mezzo di lui salvati dall'ira. Se infatti, mentre eravamo nemici, siamo stati riconciliati con Dio mediante la morte del Figlio suo, tanto più ora, che siamo riconciliati, saremo salvati mediante la sua vita" (Romani 5:9,10).

La parola più impressionante che la Bibbia dà al riguardo del castigo che Dio intende infliggere al peccatore è quella che riguarda "l'ira dell'Agnello" (Gesù Cristo) che pure prende su di sé i peccati del mondo.     

 

Comments (0)

You don't have permission to comment on this page.