| 
  • If you are citizen of an European Union member nation, you may not use this service unless you are at least 16 years old.

  • Get control of your email attachments. Connect all your Gmail accounts and in less than 2 minutes, Dokkio will automatically organize your file attachments. You can also connect Dokkio to Drive, Dropbox, and Slack. Sign up for free.

View
 

Santità della Chiesa

Page history last edited by Paolo E. Castellina 4 months ago

La Santità della Chiesa



Nel Credo degli Apostoli, il Cristiano confessa: "Io credo una santa, cattolica chiesa." La santità della chiesa è insegnata in Efesini 5:25-27: "Mariti, amate le vostre mogli, anche come Cristo amò la chiesa e diede sé stesso per lei; così che egli potesse santificarla e purificarla col lavaggio d’acqua per mezzo della parola, affinchè potesse presentare a se stesso una chiesa gloriosa, senza macchia o ruga, o alcuna cosa del genere, ma che dovesse essere santa e senza difetto."

La santità della chiesa non si riferisce alla sua imponente liturgia e cerimonie, o alla sua architettura che ispira timore riverenziale. Né una chiesa è santa a motivo della sua venerabile storia o della sua connessione con santi personaggi del passato.

Le persone sono la chiesa: persone scelte in Cristo "prima della fondazione del mondo" (1:4), redente dal sangue della croce (5:25), e chiamati ad essere "santi" (1:1). Dunque la chiesa non è santa perché ha pochi membri santi, come ministri o anziani o diaconi, ma a motivo della santità di tutti i suoi membri credenti: pii lavoratori d’ufficio, bambini, manovali, casalinghe, pensionati.

La santità di un individuo credente è la sua separazione spirituale dal mondo malvagio e la consacrazione al Dio Triuno soltanto. Similmente la santità della chiesa, "la comunità dei credenti," è la sua reale, spirituale purezza; la sua devozione a Cristo, il suo capo e marito (5:24), nell’amore. Dunque la santità fa parte dell’essenza della chiesa: senza santità, non c’è chiesa.

La santità della chiesa è attaccata. Ella è sotto la pressione di conformarsi al mondo nel suo modo di pensare e nel suo stile di vita (Romani 12:1-2). L’ecumenismo non biblico è proibito alla vera chiesa. "Dovevi tu aiutare gli empi, ed amare coloro che odiano il Signore?" (II Cronache 19:2). La falsa dottrina è il nemico della santità della chiesa, perché la predicazione di "un altro vangelo" di "un altro Gesù" per mezzo di "un altro spirito" corrompe la chiesa (II Corinzi 11:3-4).

Dio ha ordinato che la santità della chiesa sia preservata (in parte) attraverso la disciplina di chiesa ufficiale di coloro la cui dottrina è contraria ai credi della chiesa o il cui stile di vita è empio. Dove il modo di Dio di esercitare la disciplina è rigettato l’intera chiesa diverrà corrotta, perché "un po’ di lievito fa lievitare l’intera pasta" (I Corinzi 5:6).

La santità della chiesa è ottenuta e mantenuta principalmente attraverso la pura predicazione del vangelo di Cristo, significato e sigillato nei due sacramenti del battesimo e della Santa Cena. Efesini 5 presenta la chiesa come la sposa di Cristo ed il peccato come lordura, ed insegna che Cristo la santifica e purifica attraverso il "lavaggio d’acqua per mezzo della parola" (26). Attraverso la pura predicazione, Cristo non soltanto insegna cosa è la vera santità e ci chiama ad essere santi, ma in questo modo Egli opera anche la santità nel Suoi membri per mezzo dello Spirito Santo.

Cristo chiama la Sua chiesa ad essere "soggetta" a Lui "in ogni cosa" (24). La congregazione istituita deve obbedire Cristo nella fedele predicazione, nell’amministrazione sacramentale, nella disciplina, nell’adorazione e nel governo. Senza questo, la confessione della chiesa di Cristo come Signore è ipocrisia. Similmente, i membri della chiesa, nelle loro vite nel mondo, i loro pensieri, il loro parlare e le loro azioni, devono essere soggetti a Cristo "in ogni cosa."

Dio scelse la chiesa "così che noi fossimo santi" (1:4), e Cristo "diede se stesso" per la chiesa "così che egli potesse santificarla" (5:25-26). Dunque la santità della chiesa (progressivamente in questa epoca e perfettamente in cielo) è l’obiettivo sia dell’elezione che della redenzione. La santità della chiesa (inclusa la rimozione della lordura [26] e delle macchie e rughe del peccato [27]) è la sua bellezza incantevole quale sposa di Cristo, una bellezza molto più grande di tutta la bellezza dell’intera creazione. La santità della chiesa è anche la sua gloria (27), una gloria che riflette e serve la gloria del Dio Triuno, il Signore della Sua santa chiesa.

 

Angus Stewart

Comments (0)

You don't have permission to comment on this page.