| 
  • If you are citizen of an European Union member nation, you may not use this service unless you are at least 16 years old.

  • Stop wasting time looking for files and revisions. Connect your Gmail, DriveDropbox, and Slack accounts and in less than 2 minutes, Dokkio will automatically organize all your file attachments. Learn more and claim your free account.

View
 

Teologia cristiana riformata

Page history last edited by Paolo E. Castellina 6 months, 2 weeks ago

La Teologia cristiana riformata


La teologia riformata trae il suo nome dalla Riforma protestante del XVI secolo con i suoi distinti tratti teologici, ma la sua teologia è solidamente basata sulla stessa Bibbia. I credenti che si pongono nel quadro della tradizione riformata valutano grandemente le opere di Martin Lutero, John Knox, e particolarmente quelle di Giovanni Calvino, ma pure essi ritrovano i loro tratti distintivi in giganti della fede come Anselmo di Canterbury e Agostino, ritenendo che essi riflettano accuratamente gli scritti dell'apostolo Paolo sulla persona ed opera di Gesù Cristo.

I cristiani riformati si attengono alle dottrine caratteristiche di tutti i cristiani, comprese quelle sulla Trinità, la vera divinità e vera umanità di Gesù Cristo, la necessità dell'espiazione per il peccato operata da Gesù Cristo, la chiesa come istituzione divinamente stabilita, l'ispirazione della Bibbia, l'esigenza che i cristiani vivano una vita morale, e la risurrezione dei corpi. Essi condividono con i cristiani evangelici le dottrine della giustificazione per sola fede, la necessità della nuova nascita, il ritorno visibile e personale di Gesù Cristo, e il Grande Mandato.

Che cosa v'è di distintivo, allora, nella teologia riformata?

1. La dottrina sulla Scrittura


L'impegno di fondo che i riformati hanno di onorare la Scrittura mette in rilievo l'ispirazione, l'autorità e la sufficienza della Bibbia. Dato che la Bibbia è Parola di Dio e che per questo comporta l'autorità di Dio stesso, i riformati affermano che questa autorità sia superiore a quella di ogni governo e gerarchie ecclesiastiche. Questo convincimento ha fatto si che i riformati avessero il coraggio di opporsi ad ogni tirannia ed ha fatto si che la teologia riformata diventasse nella società una forza rivoluzionaria. Per sufficienza delle Scritture intendiamo il fatto che esse non abbiano bisogno di essere integrate da nuove rivelazioni di sorta. La Bibbia è una guida del tutto sufficiente per stabilire ciò in cui dobbiamo credere e come noi si debba vivere come cristiani.

I Riformatori, in modo particolare Giovanni Calvino, evidenziarono il modo in cui la Parola scritta e il ministero soprannaturale ed interiore dello Spirito Santo operino congiuntamente per rendere chiara al popolo di Dio la Sua Parola. La Parola priva dell'illuminazione dello Spirito Santo rimane un libro chiuso. La presunta guida dello Spirito Santo senza la Parola conduce ad errori e ad eccessi. I Riformatori pure insistettero sul diritto del singolo credente a studiare la Parola di per sé stesso. Sebbene essi non svalutassero la funzione di insegnanti qualificati, essi compresero che la chiarezza delle Scritture su questioni essenziali per la salvezza rende la Bibbia proprietà di ogni singolo credente. A questo "diritto di accesso" si associa pure la responsabilità di un'interpretazione accurata.

2. La sovranità di Dio


Per la maggior parte dei riformati l'articolo principale e più distintivo del loro credo è la sovranità di Dio Sovranità significa governo, e sovranità di Dio significa che Dio governa su tutta la Creazione con autorità e potere assoluto. E' Lui a determinare ciò che deve succedere e ciò che di fatto succede. Dio non si mette in allarme, non è frustrato né sconfitto dalle circostanze, dal peccato, o dalla ribellione delle Sue creature.

 

3. Le dottrine della Grazia


La teologia riformata mette in evidenza, per quanto riguarda la salvezza dell'essere umano, cinque punti che ritiene rispondenti al dettato delle Scritture ed irrinunciabili:

a. La totale depravazione dell'essere umano. Questo non significa che ogni persona sia sempre il peggio che possa essere, ma che ogni essere umano sia contaminato dal peccato in ogni area del suo pensiero e della sua condotta, tanto che nulla che da esso proceda può piacere a Dio indipendentemente dalla Sua grazia rigenerante. Per quanto riguarda il nostro rapporto con Dio, noi tutti siamo talmente rovinati dal peccato che nessuno può comprendere rettamente Dio o le Sue vie. Noi non cerchiamo nemmeno realmente Dio a meno che non sia Egli stesso a operare in noi per spingerci a farlo.

b. L'elezione incondizionata. L'accento che la teologia riformata pone sull'elezione (o predestinazione) è per molti un motivo di scandalo, ma il loro problema non sta tanto nell'elezione, quanto con la depravazione umana. Se nella loro depravaziome i peccatori sono del tutto impotenti (come afferma la Bibbia), incapaci di giungere a conoscere Dio e non disponibili a cercarLo, allora il solo modo possibile in cui mai qualcuno di essi possa essere salvato è che Dio stesso prenda l'iniziativa di trasformarlo interiormente e salvarlo. Ecco che cosa significa l'elezione. E' Dio che sceglie di salvare coloro che certamente perirebbero se non fosse per la Sua scelta sovrana ed azione susseguente.

c. La redenzione limitata. Quest'espressione in sé stessa è fuorviante, perché parrebbe con essa che i riformati volessero restringere in qualche modo il valore della morte di Cristo. Questo non è il caso. Il valore della morte di Cristo è infinito. La questione, piuttosto, è quale sia il proposito della morte di Cristo, e che cosa Egli in essa abbia realizzato Forse che Cristo intese rendere la salvezza soltanto possibile? Oppure di fatto Egli salvò coloro per i quali era morto? La teologia riformata mette in evidenza il fatto che Gesù espiò la condanna dei peccati di coloro che il Padre aveva scelto a salvezza. Egli di fatto propiziò l'ira di Dio verso il Suo popolo prendendo su di Sé la pena che essi avrebbero dovuto espiare. Egli di fatto redense e riconciliò con Dio persone specifiche. Un'espressione migliore di "redenzione limitata" potrebbe essere redenzione "specifica" o "particolare".

d. La grazia irresistibile. Lasciati a noi stessi noi resistiamo alla grazia di Dio. Quando però Dio opera nel nostro cuore, rigenerandoci e rinnovando dentro di noi la volontà, allora quello che prima per noi era indesiderabile diventa altamente desiderabile. Allora corriamo presso Gesù allo stesso modo in cui prima fuggivamo da Lui. Nella condizione di peccatori e perduti noi resistiamo alla grazia di Dio, ma poi la Sua grazia rigenerante diventa efficace e il nostro atteggiamento cambia. Essa trionfa sul peccato e adempie ai propositi di Dio.

e. La perseveranza dei santi. Una definizione migliore di questa potrebbe essere: "la perseveranza di Dio con i santi", ma entrambe le idee sono vere. Dio persevera con noi nel preservarci dal cadere in modo irreparabile, perché così faremmo se dipendesse solo da noi e Lui non fosse con noi. Proprio perché Egli persevera noi perseveriamo. Di fatto la perseveranza è la prova ultima dell'elezione. Dio ci preserva dal cadere del tutto e definitivamente da Lui.

4. Il mandato culturale


La teologia riformata mette pure in rilievo il mandato culturale, ovverosia l'obbligo del cristiano di vivere in modo attivo all'interno della società umana ed operare per la trasformazione del mondo e delle sue culture. I riformati hanno opinioni diverse in questo campo, in dipendenza da quanto credano che questa trasformazione sia possibile. In linea di massima, però, essi concordano su due cose: (1) noi siamo chiamati ad essere attivi nel mondo e non a ritirarci da esso. Questo contrappone i riformati al monachesimo o all'escapismo evangelicale. (2) Dobbiamo dar da mangiare agli affamati, vestire gli ignudi, visitare i carcerati. I principali bisogni della gente, però, sono sempre spirituali, e l'azione sociale non può essere un sostituto dell'evangelizzazione. Difatti l'autentico sforzo per aiutare la gente sarà efficace solo quando verranno trasformati cuori e menti attraverso l'Evangelo. Questo rende diversa l'opera dei riformati da una esclusivamente umanitaria.

 

Alla teologia riformata è stato obiettato che chiunque affermi i suoi principi perda poi ogni interesse per l'evangelizzazione o la preghiera. "Se è Dio che opera come e quando vuole, perché dovremmo preoccuparcene noi?". Però non è così. E' proprio perché Dio compie tutta l'opera in maniera sovrana che noi possiamo associarci fiduciosamente ad essa, come pure ci comanda di fare. Lo facciamo con gioia, sapendo che i nostri sforzi non si riveleranno mai vani. Essa raggiungerà salvificamente le persone predestinate alla salvezza, mentre per le altre essa raggiungerà lo scopo di renderle inescusabili e di segnare, con il loro rifiuto, la loro perdizione. La preghiera è, inoltre, uno degli strumenti di cui Dio si avvale per realizzare i Suoi propositi.

 

Comments (0)

You don't have permission to comment on this page.