| 
  • If you are citizen of an European Union member nation, you may not use this service unless you are at least 16 years old.

  • Get control of your email attachments. Connect all your Gmail accounts and in less than 2 minutes, Dokkio will automatically organize your file attachments. You can also connect Dokkio to Drive, Dropbox, and Slack. Sign up for free.

View
 

Toga del pastore

Page history last edited by Paolo E. Castellina 4 months, 1 week ago

La toga del pastore riformato


La toga del pastore riformato, chiamata anche toga di Ginevra è un paramento ecclesiastico normalmente indossato dai ministri consacrati delle chiese cristiane che sorsero dalla Riforma protestante storica.

Descrizione. Questa toga, analoga alla toga dottorale usata in Occidente, è simile a quella dei giudici americani. E' costituita da materiale pesante di colore nero, e di solito presenta larghe maniche con polsini (che imitano la tunica un tempo indossata al di sotto) e due facciole bianche (che imitano il lungo colletto di una camicia). Sulle maniche possono essere presenti dei galloni di vario colore indicanti il titolo accademico di chi la porta.

Scopo. Questa toga, semplice ma dignitosa, intende comunicare l'autorità ed il solenne dovere del ministero ordinato, chiamato da Dio a proclamare l'Evangelo di Gesù Cristo e predicare la Parola di Dio biblica. Chi la porta è un dotto ministro della Parola ed un anziano con il compito di insegnare (presbitero) alla Chiesa fedele.

Indossata sul vestito, tradizionalmente una tonaca, ma oggi, più comunemente, un vestito elegante, con o senza collare, essa rifugge e nasconde ogni ostentazione d'abito e le proprie preferenze di moda, attirando l'attenzione sull'ufficio di chi la porta, non sulla persona.

Uso. Per convenzione, un ministro di Dio indossa la toga solo durante il culto comunitario, in particolare quando predica la Parola di Dio.

Per ragioni storiche e teologiche, la toga è tipica fra le chiese congregazionaliste, presbiteriane e riformate, cioè quelle comunità primariamente influenzate dalla formulazione calvinistra della dottrina cristiana e dell'ordinamento ecclesiale, e meno comune nella tradizione battista e wesleyana. L'uso della toga può essere pure ritrovato in chiese luterane ed anglicane come pure in molte comunità afro-americane di diversa denominazione. Raro se non pressoché assente l'uso della toga nelle chiese ortodosse orientali o cattoliche romane.

La tendenza oggi più comune è abbandonare l'uso della toga nera in favore di una sorta di saio bianco (di valenza ecumenica) oppure del semplice uso di un vestito civile non diverso da quello degli altri fedeli.

 

 

 

Bibliografia

 

Comments (0)

You don't have permission to comment on this page.