| 
  • If you are citizen of an European Union member nation, you may not use this service unless you are at least 16 years old.

  • Browse and search Google Drive and Gmail attachments (plus Dropbox and Slack files) with a unified tool for working with your cloud files. Try Dokkio (from the makers of PBworks) for free. Now available on the web, Mac, Windows, and as a Chrome extension!

View
 

Obbedienza attiva di Cristo

Page history last edited by Paolo E. Castellina 1 year, 4 months ago

Obbedienza attiva di Cristo

 

Nella teologia cristiana protestante, l'obbedienza attiva di Gesù Cristo (a volte chiamata la sua obbedienza precettiva [1]) comprende la totalità delle sue azioni, che i cristiani credono fosse in perfetta obbedienza alla legge di Dio. Nella teologia riformata, l'obbedienza attiva di Cristo è generalmente ritenuta imputata ai cristiani come parte della loro giustificazione .

 

La vita di Cristo 

 

Gesù , che la Bibbia descrive come "senza peccato".

 

In Atti 3:14 , Pietro chiama Gesù "il Santo e il Giusto", mentre in Atti 10:38 Pietro dice che Cristo "passò beneficando e risanando tutti coloro che stavano sotto il potere del diavolo, perché Dio era con lui".

 

Secondo la Bibbia , in Ebrei 4:15 , Gesù era "senza peccato". Robert L. Reymond interpreta Romani 5:18 (che parla del suo "unico atto di giustizia") come riferito "all'opera di tutta la vita" di Cristo, e i riferimenti a Cristo come "servo" indicano la sua obbedienza [2].

 

L'obbedienza attiva di Cristo (fare ciò che è richiesto dalla legge di Dio) di solito si distingue dalla sua obbedienza passiva (sofferenza per il suo popolo), ma J. Gresham Machen sostiene che "Ogni evento della sua vita faceva parte del suo pagamento della pena del peccato, e ogni evento della sua vita faceva parte di quella gloriosa osservanza della legge di Dio con la quale ottenne per il suo popolo la ricompensa della vita eterna" [3].

 

Machen sottolinea inoltre che Gesù non era soggetto alla legge per sé stesso e che "non gli era richiesta alcuna obbedienza, poiché era il Signore di tutti" [4].

 

Imputazione

 

L' imputazione dell'obbedienza attiva di Cristo è una dottrina nell'ambito della teologia luterana e riformata. Si basa sull'idea che la giustizia di Dio esiga la perfetta obbedienza alla sua legge. Con la sua obbedienza attiva, Cristo ha "reso disponibile una giustizia perfetta davanti alla legge che è imputata o calcolata a coloro che ripongono la loro fiducia in lui" [5]. Il catechismo di Heidelberg afferma che Dio concede al credente "la perfetta soddisfazione, la giustizia e la santità di Cristo", in modo che il cristiano possa dire che è "come se non avessi mai avuto, né commesso alcun peccato: sì, come se avessi pienamente realizzato tutto quell'obbedienza che Cristo ha compiuto per me" (Domande e risposte 60). Questa imputazione costituisce quindi l'elemento positivo della giustificazione [6].

 

L'imputazione dell'obbedienza attiva di Cristo ha il suo fondamento nell'idea di un'alleanza di opere fatte con Adamo, sebbene questo sia stato oggetto di dibattito, poiché il linguaggio dell'alleanza non è impiegato fino all'alleanza noaica in Genesi 6. Machen sostiene che "se Cristo avesse semplicemente pagato la pena del peccato per noi e non avesse fatto altro saremmo al massimo nella situazione in cui Adamo si trovò quando Dio lo pose sotto il patto delle opere [7]. Di conseguenza, il nostro "raggiungimento della vita eterna sarebbe dipeso dalla nostra perfetta obbedienza alla legge di Dio" e saremmo certi di cadere. [8]. Machen continua dicendo che Cristo è stato "il nostro rappresentante sia in penalità che in custodia cautelare" e che per coloro che sono stati salvati da lui, la prova è finita dal momento che "Cristo ha meritato per loro la ricompensa dalla sua perfetta obbedienza a Legge di Dio" [9].

 

Critica

 

Arminianesimo

 

L'imputazione dell'obbedienza attiva di Cristo è stata di solito negata dagli arminiani, i quali, secondo Louis Berkhof, sostengono che la giustificazione pone semplicemente l'uomo "nella posizione di Adamo prima della caduta" [10].

 

Calvinismo

 

Alcuni all'interno della comunità Riformata , in particolare gli scrittori associati alla teologia della visione federale, hanno obiettato alla formulazione tradizionale di questa dottrina, a causa della sua base nell'alleanza delle opere e nell'idea del merito. James B. Jordan sostiene che la "trasformazione ... realizzata da Gesù non è stata qualcosa" guadagnata "come un'indennità settimanale" [11]. Ciò che viene trasferito al credente non sono le "opere e meriti" di Gesù, ma la sua "vita glorificata e risorta nello Spirito". [12]

 

Teologia della nuova alleanza

 

Alcuni aderenti alla Teologia della Nuova Alleanza hanno anche criticato questa imputazione, sulla base del fatto che la vita senza peccato di Cristo lo ha semplicemente qualificato per essere il perfetto sostituto per l'umanità. L'osservanza della legge da parte di Cristo dimostrò che era giusto, piuttosto che renderlo giusto [13].

 

Importanza 

 

J. Gresham Machen , che ha dichiarato sul suo letto di morte che non c'è speranza senza l'obbedienza attiva di Cristo. Mentre stava morendo, J. Gresham Machen , il teologo presbiteriano americano, ha inviato un ultimo telegramma al suo amico John Murray contenente le parole: "Sono così grato per l'obbedienza attiva di Cristo. Nessuna speranza senza di essa" [14].

 

Riferimenti 

 

  1. Reymond afferma che questo termine deve essere preferito a causa del fatto che Cristo non ha fatto nulla "passivamente", cioè senza "pieno desiderio e volontà da parte sua". Robert L. Reymond , Una nuova teologia sistematica della fede cristiana (2a ed., Nashville: Thomas Nelson, 1998), 631.
  2.  Reymond, Teologia sistematica , 629.
  3.  J. Gresham Machen , "L'obbedienza attiva di Cristo", in Dio trascendente (Edinburgh: Banner of Truth, 1982), 191.
  4.  Machen, "Obbedienza attiva di Cristo", 189.
  5.  Reymond, Teologia sistematica , 631.
  6.  Louis Berkhof , Teologia sistematica (Londra: Banner of Truth, 1941), 515. 
  7.  Machen, "Obbedienza attiva di Cristo", 187.
  8.  Machen, "Obbedienza attiva di Cristo", 188.
  9.  Machen, "Obbedienza attiva di Cristo", 187–188.
  10.  Teologia sistematica di Berkhof, 515.
  11.  James B. Jordan , "Merito contro maturità: cosa fece Gesù per noi?" in Steve Wilkins e Duane Garner (a cura di), The Federal Vision (Monrone: Athanasius, 2004), 158.
  12.  Giordania, "Merito contro maturità", 195.
  13.  Esame dell'imputazione dell'obbedienza attiva di Cristo di Geoff Volker e Steve Lehrer
  14.  John Piper , la risposta di J. Gresham Machen al modernismo

 

Link esterni 

 

 

Comments (0)

You don't have permission to comment on this page.