| 
  • If you are citizen of an European Union member nation, you may not use this service unless you are at least 16 years old.

  • Stop wasting time looking for files and revisions. Connect your Gmail, DriveDropbox, and Slack accounts and in less than 2 minutes, Dokkio will automatically organize all your file attachments. Learn more and claim your free account.

View
 

Una lettura illuminata della Scrittura

Page history last edited by Paolo E. Castellina 8 months, 3 weeks ago

[Illuminazione]


 

Una lettura illuminata della Scrittura

 

Sicuramente una cosa è affermare che la Bibbia è la Parola di Dio, ma fare una simile affermazione non crea per fiat la verità di quella affermazione. Una certezza puramente presunta della Scrittura rende abbastanza incerta la presunta certezza stessa. L'argomento non è circolare, così che la conclusione della verità della Bibbia viene dal presupposto stesso della sua verità?

 

Ma una circolarità così rozza, irragionevole e sgonfiante non è certo quel che qui noi intendiamo. Poiché siamo persone corrotte e peccaminose, la nostra peccaminosità risiede non solo nei nostri cuori, vite e lingue (testardaggine), ma anche nelle nostre menti (cecità). Nella nostra ribellione contro Dio siamo del tutto riluttanti, indisposti e  incapaci di accettare la verità divina. "Ma l'uomo che non ha ricevuto lo Spirito di Dio non è in grado di accogliere le verità che lo Spirito di Dio fa conoscere. Gli sembrano assurdità e non le può comprendere perché devono essere capite in modo spirituale" (1 Corinzi 2:14).

 

Romani 1 indica che come non credenti "soffochiamo la verità" (Romani 1:18) e abbiamo "scambiato la verità di Dio con la menzogna" (Romani 1:25). Tale soppressione e sostituzione idolatra delle menzogne ​​per la verità ci trasformano in stolti, anche se affermiamo di "essere sapienti" (Romani 1,22). In breve, il nostro rifiuto delle parole di Dio nella rivelazione generale distorce la nostra visione di Dio e della realtà. Tale ribellione deformante segna un punto di non ritorno morale e intellettuale.

 

Stando così le cose, Dio viene da noi con grazia e ci rivela il perdono nel Figlio di Dio. La sua Parola è una Parola redentrice e per fede in Gesù Cristo, il protagonista della Scrittura , i nostri occhi sono aperti alle verità e alla verità della Scrittura. Tale comprensione è interamente un dono. Non è una produzione delle nostre volontà o delle nostre menti. Semplicemente non può essere.

 

Lo spirito di comprensione

 

Nella seconda lettera ai Corinzi, l'apostolo Paolo spiega questo fatto attraverso il compito "impossibile" del ministero del Vangelo. Perché è impossibile? Perché i cuori umani sono ciechi, recalcitranti e umanamente irrecuperabili. Paolo e i suoi compagni apostoli erano pienamente consapevoli che le parole umane erano positivamente insufficienti per apportare qualsiasi tipo di rinnovamento spirituale. Se non fosse per la natura divina del Vangelo e per l'opera dello Spirito Santo, Paolo e i suoi compagni predicatori erano degli stolti! Ciò che invece li ha costretti a predicare è stato il potere divino e personale della Parola di Dio di provocare il cambiamento.

 

Perciò, avendo questo ministero, secondo la misericordia che ci è stata accordata, non ci perdiamo d'animo. Al contrario, abbiamo rifiutato le dissimulazioni vergognose, senza comportarci con astuzia né falsificando la parola di Dio, ma annunciando apertamente la verità e presentandoci davanti a ogni coscienza umana, al cospetto di Dio.
E se il nostro Vangelo rimane velato, lo è in coloro che si perdono: in loro, increduli, il dio di questo mondo ha accecato la mente, perché non vedano lo splendore del glorioso vangelo di Cristo, che è immagine di Dio. Noi infatti non annunciamo noi stessi, ma Cristo Gesù Signore: quanto a noi, siamo i vostri servitori a causa di Gesù. E Dio, che disse: «Rifulga la luce dalle tenebre», rifulse nei nostri cuori, per far risplendere la conoscenza della gloria di Dio sul volto di Cristo"
 (2 Corinzi 4: 1–6)

 

Nella oscura circolarità del nostro ragionamento peccaminoso risplende lo Spirito Santo di Dio, che irradia una verità redentrice, immancabile e pienamente soddisfacente! Dio rimuove i paraocchi dai nostri occhi e ci porta dalle tenebre alla luce.

 

Quindi, ecco cosa succede. Ascoltiamo le Scritture e lo Spirito di Dio, autore delle Scritture, apre il nostro cuore e la nostra mente. Con lo strumento della fede, questo Spirito dà luce alle nostre menti riguardo al vangelo di Gesù Cristo e alle parole della Scrittura. Questo punto porta la riaffermazione: lo Spirito Santo opera in noi, determinando questo cambiamento. Lo Spirito che ha dato le Scritture ai profeti e agli apostoli è lo stesso Spirito che ci convince dell'affidabilità di esso. Con il ministero dello Spirito di Dio, ora sappiamo quello che abbiamo  potuto  non  sapere. Vediamo cosa non abbiamo  potuto vedere. Lo Spirito di Dio risplende nei nostri cuori questa comprensione spirituale.

 

La certezza non può venire dal ragionamento, ma invece mette radici nei nostri cuori per opera dello Spirito Santo stesso.

 

Ci rivolgiamo ancora una volta al Nuovo Testamento. Nella sua prima epistola ai Corinzi, l'apostolo Paolo parla direttamente di questo cambiamento battuto dallo Spirito in noi che ci consente di comprendere la Parola di Dio:

 

"Ma, come sta scritto: Quelle cose che occhio non vide, né orecchio udì, né mai entrarono in cuore di uomo, Dio le ha preparate per coloro che lo amano. Ma a noi Dio le ha rivelate per mezzo dello Spirito; lo Spirito infatti conosce bene ogni cosa, anche le profondità di Dio. Chi infatti conosce i segreti dell'uomo se non lo spirito dell'uomo che è in lui? Così anche i segreti di Dio nessuno li ha mai conosciuti se non lo Spirito di Dio. Ora, noi non abbiamo ricevuto lo spirito del mondo, ma lo Spirito di Dio per conoscere ciò che Dio ci ha donato" (1 Corinzia 2: 9–12)

 

In che modo allora siamo persuasi? Rispondendo proprio a questa domanda, il riformatore Giovanni Calvino ci allontana correttamente dalla razionalità umana, poiché è semplicemente inadeguata.

 

"Illuminati dal suo potere crediamo che la Scrittura provenga da Dio, non sulla base del nostro giudizio né di quello degli altri; ma, al di sopra del giudizio umano, concludiamo con assoluta certezza, come se vedessimo la stessa maestà di Dio presente in esso, che ci è venuto dal ministero degli uomini dalla stessa bocca di Dio. . . . È una convinzione che non richiede prove razionali; una conoscenza con cui la mente riposa in modo più sicuro e costante rispetto a qualsiasi prova razionale; una consapevolezza che può nascere solo dalla rivelazione celeste. Parlo solo di ciò che ogni credente sperimenta, a parte il fatto che le mie parole sono molto lontane da un giusto resoconto della questione" (Istituzione della religione cristiana, 1.7.5)

 

La convinzione sulla verità della Scrittura non è un semplice fenomeno umano. Non può essere ridotto a probabilità, prove o dimostrazioni. La certezza non può venire dal ragionamento, ma invece mette radici nei nostri cuori per opera dello Spirito Santo stesso. Tale convinzione non è irrazionale; è  supra razionale, cioè supera i nostri poteri di razionalità.

 

Quindi, lo Spirito che ha prodotto la Scrittura dall'agenzia dei profeti e degli apostoli è lo stesso Spirito che ci illumina di ricevere la Scrittura come del tutto vero. Nota bene che lo Spirito non cambia la Scrittura; essa ci cambia (noi) e apre le nostre menti e i nostri cuori alla verità delle Scritture. Entra nel circolo chiuso della nostra ribellione e cecità, in cui contiamo sul nostro intelletto finito e  peccaminoso e ci libera dalla nostra oscurità assorbita da sé nella sua luce piena di grazia.

 

Questo pezzo è adattato da David GarnerCome posso sapere per certo?  (Phillipsburg, NJ: P&R, 2014), 22–25. 

 

Comments (0)

You don't have permission to comment on this page.